Ideamoon
Rolex amplia il suo sostegno al Teatro Alla Scala

Rolex amplia il suo sostegno al Teatro Alla Scala

Partner di artisti d’eccezione e di eventi esclusivi, Rolex promuove l’eccellenza nell’arte e nella musica mantenendo viva una tradizione ispirata dal suo fondatore, Hans Wilsdorf. In questo periodo così difficile Rolex è rimasta a fianco delle istituzioni artistiche di cui è partner, in particolare del Teatro alla Scala, di cui è Orologio Esclusivo dal 2006, oltre che Partner Ufficiale della serata inaugurale del 7 dicembre - che quast'anno sarà in diretta tv - nonché del Programma “Grandi Artisti alla Scala” e del Concerto di Natale. È proprio in questo contesto che è nata la decisione di sostenere anche il Museo Teatrale alla Scala, divenendone Partner Istituzionale per 5 anni, a partire dalla stagione 2020/2021. Rolex è felice di approfondire la sua collaborazione con La Scala attraverso questo Museo, istituzione di grandissimo successo vuoi per la Sezione storica, vuoi per le Mostre temporanee che propone. Aperto nel 1913, originariamente per accogliere la collezione dell’antiquario parigino Jules Sambon, il Museo Teatrale alla Scala vanta oggi una delle più importanti raccolte al mondo di memorabilia del teatro musicale. Il Museo conserva inoltre la Biblioteca “Livia Simoni” con oltre 140mila volumi dedicati a teatro, musica e scenografia.

La partnership di Rolex con la musica risale agli anni ‘70, con la soprano neozelandese Dame Kiri Te Kanawa, primo Testimonial Rolex del mondo delle arti, un sodalizio privilegiato che ancor oggi è vivo e proficuo. Il marchio estende globalmente i suoi legami coinvolgendo generazioni successive di talenti: la mezzosoprano italiana Cecilia Bartoli, il tenore francese Benjamin Bernheim, il tenore spagnolo Plácido Domingo, il direttore d’orchestra venezuelano Gustavo Dudamel, il tenore peruviano Juan Diego Flórez, il tenore tedesco Jonas Kaufmann e la soprano bulgaro-svizzera Sonya Yoncheva. E oltre al Teatro alla Scala, Rolex è anche partner della Royal Opera House di Londra, del Metropolitan Opera di New York, dell’Opéra national de Paris e di due eventi per la musica classica, il Festival di Salisburgo e l’Orchestra Filarmonica di Vienna.