Primavera 2017
ITA / ENG
CHANEL COCO CRUSH
x
Ti piacciono la moda, il cinema, il design e le nuove tendenze?

Se vuoi far parte del nostro team, condividere con noi il tuo talento, le tue esperienze e i tuoi progetti scrivici a: info@ideamoon.it

INVERNO 2016

INVERNO 2016

read more



AUTUNNO 2016

AUTUNNO 2016

read more



ESTATE 2016

ESTATE 2016

read more



Spring 2016

Spring 2016

read more



INVERNO 2015/2016

INVERNO 2015/2016

read more



Autummo 2015

Autummo 2015

read more



ESTATE 2015

ESTATE 2015

read more



Primavera 2015

Primavera 2015

read more



Winter 2014

Winter 2014

read more



AUTUNNO 2014

AUTUNNO 2014

read more



ESTATE 2014

ESTATE 2014

read more



PRIMAVERA 2014

PRIMAVERA 2014

read more



Primavera 2017



L’importanza del colore - Enrico Cogno

 

Una ricerca dell’Università di Winnipeg ha dimostrato che un
consumatore medio impiega meno di 90 secondi per emettere un giudizio
sul valore di un brand o di un prodotto: in questo rapidissimo
processo l’influenza del colore conta dal 62 al 90%.
La classifica dei colori più usati dai cento brand più popolari al
mondo vede, nell’ordine, l’impiego del blu nel 33% dei casi, il rosso
per il 29%, il nero per il 28% e il giallo per il 13%.
Il blu è il simbolo della calma, della serenità, dell'equilibrio.
Il rosso è il colore che cattura l'attenzione, accelera il
metabolismo, fa aumentare la pressione e il battito cardiaco.
Pare che faccia crescere l'appetito e spinga a mangiare più
velocemente. Infatti, l’arredo e il packaging di molti fast food è di
questo colore. Indossato dalle donne, ne aumenta il sex appeal: una
recente ricerca svolta su 272 clienti di ristoranti (di sesso
maschile) ha dimostrato che venivano elargite tra il 15% e il 26% di
mance in più alle cameriere vestite di rosso.
Il nero, il bianco e il grigio sono tipici delle griffes delle
eccellenze italiane della moda, come Armani, Gucci, Versace, Dolce
&Gabbana. Il giallo e l’arancione sono colori che stimolano vitalità,
ottimismo e allegria. Il verde è il colore ideale per un riferimento
alla calma, alla freschezza, alla natura e al rispetto dell’ambiente.
In qualche caso l’utilizzo eccessivo del verde è sospetto: viene
infatti definito greenwashing, una strategia di comunicazione attuata
daalcune organizzazioni (poco etiche) che passano una mano di verde
su tutto, dal packaging agli stabilimenti, quasi una specie di
lavaggio purificatore finalizzato a costruire un'immagine
ingannevolmente positiva sotto il profilo dell'impatto ambientale.
In realtà uno sviluppo compatibile che salvaguardi le risorse
esistenti dovrebbe essere la vera preoccupazione di ogni sano brand,
indipendentemente dal suo colore sociale: il verde non deve essere
solo una vernice coprente. Deve essere un orientamento mentale.

Price

« back