Ideamoon
Gucci
Il Grand Hotel Duchi d’Aosta brillerà di nuova luce

Il Grand Hotel Duchi d’Aosta brillerà di nuova luce

La posizione strategica e suggestiva del Grand Hotel Duchi d’Aosta con un restyling delle camere e delle aree comuni ed un occhio di riguardo all’accoglienza del turismo leisure lo faranno brillare di nuova luce alla riapertura prevista per fine maggio 2021. “Sarà una bella sfida - ha dichiarato Antonello Buono, il nuovo General Manager, classe 1972 e origini ischitane - in foto - con alle spalle una lunga e brillante carriera nella direzione di hotel e resort di lusso - Sono stato chiamato dall’attuale proprietario Alfredo Rubino, con il quale è nata da subito un’ottima intesa, a proseguire l’opera di rivalutazione di questo gioiello, iniziata già con la Famiglia Benvenuti. Il Grand Hotel Duchi d’Aosta, così come la stessa città di Trieste, ha delle potenzialità inespresse che noi intendiamo sfruttare appieno; per questo, non vediamo l’ora di iniziare questa bella avventura e vincere la scommessa di portare a Trieste un’hotellerie di nicchia e di altissimo livello.” 

Dopo il restyling del ristorante Harry’s Piccolo, che grazie agli chef Matteo Metullio e Davide de Pra, ha portato le prime due stelle a Trieste anche il resto dello storico albergo, sarà interessato da un’elegante riqualificazione ad opera dell’Architetto Egidio Panzera (Studio Egidio Panzera). Questo garantirà a tutta la struttura un notevole salto di qualità. L’Hotel, si trova nella centralissima Piazza Unità d’Italia, una delle più incantevoli piazze italiane che oltre ad essere la piazza principale di Trieste, è anche la piazza più grande d'Europa aperta sul mare. Dimora elegante e raffinata, in pieno stile mitteleuropeo, il rinnovato Grand Hotel Duchi d’Aosta sarà pronto ad accogliere gli ospiti nella sua nuova veste di boutique hotel 5 stelle con uno stile più contemporaneo e con un’attenzione particolare ai dettagli, all’arte e al design, senza perdere in nessuna maniera il fascino storico che lo caratterizza e che lo ha reso negli anni meta preferita di viaggiatori cosmopoliti.